DCO/DPC - Movimenti a via impedita (1)

 

A seguito di guasto nel Posto Satellite "P.S.1", il treno 11160 deve entrare in 1° binario con segnale di protezione disposto a via impedita (itinerario 02-04).

Per poter eseguire un movimento di arrivo con segnale di protezione disposto a via impedita per guasto o altre motivazioni occorre tenere presente che le indicazioni visibili sul monitor/QL del P.C. non sono da ritenersi in sicurezza (a differenza di quelle del Q.L. di un ACEI o QLv di un ACC) pertanto l'itinerario di arrivo andrĂ  verificato con particolare "cura" mediante speciali comandi "software" del sistema di telecomando.

In ogni caso quando, in caso di incroci o precedenze, il secondo treno deve entrare a via impedita, per qualsiasi motivo, occorre sempre ricevere, dal Capotreno del 1° treno entrato nel posto periferico, il dispaccio del suo "giunto", prima di far entrare il secondo treno (sia che il 1° treno sia entrato con segnali a via libera che con segnali a via impedita):

«DCO/DPC ... - TRENO ... GIUNTO A ... IN BINARIO ... .».

 

Fase1: Dopo l'arrivo del treno 2681 in 2° binario (di corretto tracciato), viene comandato l'itinerario di arrivo per il treno 11160 in 1° binario ( 2 - 4 ) ma il segnale di protezione 2s NON si dispone a via libera.

 

A questo punto il DCO/DPC deve controllare sul proprio QL se esiste il controllo dei seguenti enti di itinerario:

  1. il bloccamento del punto origine 2 per l'arrivo del treno;

  2. il controllo dei deviatoi interessati nella posizione richiesta ovvero: deviatoio 2a/b rovescio, deviatoio 1a/b normale, deviatoio 101a/b normale (calcio del deviatoio acceso a luce fissa);

  3. lo stato di riposo dei dispositivi di manovra a mano sul posto dei deviatoi (comandi MD e MFd in stato di riposo - di solito luce o simbolo acceso a luce bianca fissa).

Deve inoltre impartire per due volte un comando di RICONTROLLO sul posto periferico interessato per accertare la validitĂ  delle suddette indicazioni ovvero che durante la fase di ricontrollo le stesse diano temporaneamente una indicazione di guasto (indicazioni lampeggianti) e al termine dello stesso (di solito dopo 20") si ripristino i controlli iniziali.

Deve anche inibire l'apertura dei segnali sul lato opposto della stazione (per evitare movimenti incompatibili), ovvero sulla radice 1, con l'apposito comando e, con una DOPPIA operazione di RICONTROLLO, verificare che l'inibizione si sia effettivamente attivata.

Se TUTTE E TRE i suddetti controlli esistono e, a seguito della doppia operazione di RICONTROLLO sono da ritenersi validi, al treno verrà prescritto di entrare con MARCIA A VISTA NON SUPERANDO LA VELOCITA' DI 30 KM/H SULL'ITINERARIO INTERESSATO (Prescrizione n° 5 M.40TELEC).

Se anche uno dei suddetti controlli manca o non deve ritenersi valido (ricontrollo negativo) al treno verrà prescritto di AVANZARE IN MANOVRA SULL'ITINERARIO INTERESSATO FERMANDOSI PRIMA DI OGNI PICCHETTO SPECIALE SENZA IMPEGNARE I DEVIATOI E SUPERARE GLI SCAMBI A VALLE DI OGNI PICCHETTO DOPO AVERNE ACCERTATO L'INTEGRITA' E LA REGOLARE DISPOSIZONE ... (Prescrizione n° 6 M.40TELEC). Al treno sarà prescritto anche su quale binario istradarsi (Prescrizione n° 1 M.40TELEC).

In ogni caso il treno va autorizzato a superare il segnale di PROTEZIONE disposto a via impedita (Prescrizione n° 4 M.40TELEC).

 

Per quanto riguarda i PL di stazione, questi posso essere considerati regolarmente chiusi e quindi non occorre prescrivere la marcia a vista in corrispondenza degli stessi solo se:

  1. esiste il controllo di chiusura del PL;

  2. esistono TUTTE E TRE le condizioni sopra riportate (bloccamento punto origine, controllo deviatoi, normalitĂ  dispositivi di manovra a mano);

e, a seguito di DOPPIO RICONTROLLO, le suddette indicazioni sono da ritenersi valide.

In caso contrario va prescritta la marcia a vista sul/sui PL di stazione (Prescrizione n° 10 M.40TELEC (B.ca) o n° 14 M.40TELEC (BA)).

Raggiunta la opportuna "pratica" impartendo il DOPPIO COMANDO DI RICONTROLLO è possibile verificare contemporaneamente lo stato degli enti di itinerario, dei PL di stazione e dell'inibizione apertura segnali sul lato opposto della stazione. Il DCO/DPC deve accertarsi personalmente della validità di tali ripetizioni quindi, se necessario, ripeterà la doppia operazione di ricontrollo per ogni ente o ripetizione che non è riuscito a verificare precedentemente.

 

 

Per una partenza a via impedita, dopo aver impartito il relativo comando di itinerario, OLTRE AGLI ACCERTAMENTI DI CUI SOPRA occorre accertare lo stato degli enti di linea. TALE OPERAZIONE NON E' MAI ESEGUIBILE DAL POSTO CENTRALE dal DCO/DPC di un CTC tradizionale (per gli SCC valgono altre norme) ma può essere eseguita nel posto periferico (sulle linee a semplice binario con ACEI "semplificati") dall'Agente Treno (nel caso il Capotreno o chi ne fa le veci).

(...)

 

Vai ad inizio pagina